domenica 8 aprile 2018

Altro layout per le sfide ASI

Buongiorno!
Ecco qua un altro layout per la sfida per le socie ASI di cui vi ho parlato in questo post...chissà che dovendo realizzare tutti questi layout io non impari a migliorare un po'...


E qui potete trovare un particolare delle foto:


Che ne pensate? Sicuramente c'è ampio margine di miglioramento!!

A presto! Happy Scrap!


venerdì 6 aprile 2018

Sfida su Forum e Blog ASI

Buongiorno!
Come ormai tutti sapete faccio parte di quel gruppo di "matte" che gestiscono il Forum ASI e questa volta abbiamo pensato una sfida molto carina, per le socie ASI, in collaborazione con il Blog ASI, siete curiosi di sapere di cosa si tratta?? Correte sul forum o sul blog a vedere i nostri post...

Questa è la mia prima interpretazione per la sfida...


Ho scelto un formato A4 per mia comodità, ma si possono utilizzare tutti i formati che si desiderano...e lo so il mio LO non è niente di speciale, ma chissà che facendone altri non migliori heheheh

A presto! Happy scrap!


martedì 13 marzo 2018

Letture: Tè, zucchero e segreti di Nancy Naigle #12.18


La bella e risoluta Jill Clemmons ha deciso di abbandonare Adams Grove, il paesino di campagna dove è nata, per costruirsi una nuova vita in Georgia. Ma in quel remoto angolo di Virginia ha lasciato il suo affetto più grande, la nonna Pearl, che l’ha cresciuta come una figlia dopo la morte dei genitori. Il suo cuore si è allontanato anche da Garrett Malloy, il fidanzato di un tempo e una delle ragioni per cui Jill ha deciso di andarsene.

Quando tutto il paese si ritrova a piangere l’improvvisa scomparsa dell’amata Pearl, Jill ritorna ad Adams Grove per occuparsi del funerale e delle cose della nonna. La casa di Pearl custodisce però dei segreti inattesi. Segreti che riguardano il passato della nonna, ma anche il presente di Jill, e quello di Garrett. Segreti che, innescando una strana serie di eventi, faranno riavvicinare i due. Segreti che metteranno Jill di fronte a una scelta decisiva, e le insegneranno il valore più profondo dell’amore.

Questo è un libro che prima di tutto colpisce per la cover, molto fine e delicata, attira assolutamente l'occhio, poi quando ho letto la trama mi ha ispirato e ho deciso di leggerlo, devo dire che sono contenta della mia scelta!
Jill è sempre vissuta ad Adams Grove, un paesino della Virginia, dove è ancora molto forte l'attaccamento alla terra, al commercio locale e dove gli abitanti si sostengono gli uni con gli altri, e fin da ragazzina ha vissuto una grande storia d'amore con Garrett, fino a quando nella loro vita compare Bradley che le fa capire che Garrett ha un'altra donna. A questo punto Jill si sente abbandonata dell'amore della sua vita e si trasferisce quindi in Georgia...ma l'improvvisa morte dell'adorata nonna Pearl la fanno tornare ad Adams Grove, e complice il testamento della nonna e le sue ultime volontà, dovrà fare i conti con il suo passato e con il passato della nonna che credeva di conoscere così bene e invece scopre che qualcosa le aveva nascosto...
Questo libro non è la classica storia d'amore, c'è anche un po' di "giallo" nella trama, chi mai attenterà alla vita di Jill diverse volte e perché?
Devo dire che il libro è assolutamente delizioso e piacevole, la lettura scorre velocemente e vi ritroverete alla fine del libro ancora prima di accorgervene! E' una lettura piacevole e allo stesso tempo poco impegnativa, perché come dice l'autrice all'inizio del libro:

Questo libro è dedicato a ogni donna che ha bisogno di una pausa. Ci sono passata. Non c’è niente di male a fuggire ogni tanto.

Volete un consiglio? Prendetevi una pausa e leggetelo!

A presto! Buona lettura!

martedì 27 febbraio 2018

Letture: Cosa rimane di noi di Manuel Sgarella #11.18


L’esistenza di Luca Morando non è il peggiore degli incubi, ma la più atroce delle realtà. Come migliore agente della task force antipedofilia, ha risolto innumerevoli casi di bambini scomparsi. Ma non quello di sua figlia, la piccola Martina, che non ha mai più ritrovato. Il matrimonio con Nicole è crollato sotto i colpi di questa perdita dolorosa, così come la carriera in polizia, interrotta in un congedo forzato dovuto alle sue pessime condizioni fisiche e psichiche.

Ora il Cieco – così lo chiamavano i suoi ex colleghi poliziotti – è un uomo smarrito nel proprio tormento e schiavo della vodka pura a quarantotto gradi, trasparente come acqua, ma corrosiva come il suo passato. Solo il Santo, amico di sempre e fido informatore sui bassifondi milanesi, cerca di sostenerlo, anche offrendogli da bere.

Ma se una serie di strane circostanze aprisse una nuova pista sulla scomparsa di Martina? Se il Cieco tornasse a essere il cacciatore di una volta per risolvere il caso più importante della sua vita?

Negli strati sommersi di una Milano fatta di intrighi e corruzione, tra loschi personaggi e violenze quotidiane, Luca dovrà imparare a cercare qualcosa che nessuna indagine o bicchiere di vodka potrà restituirgli: la speranza in un domani migliore.

Sinceramente ho scelto questo libro esclusivamente per la cover, poiché era perfetto per la Visual Challenge, perché trovavo il tema trattato non adatto a me, ed invece mi sono dovuta ricredere, il romanzo è scritto talmente bene e con un linguaggio talmente crudo e purtroppo attuale che le pagine scorrono via velocemente e ti ritrovi alla fine che neanche te ne accorgi!
Il libro tratta un tema che purtroppo al giorno d'oggi ricorre fin troppo spesso, il tema della pedofilia, e dei bambini rapiti per scopi pedo-pornografici.
Luca Morando è un uomo a pezzi, il cui unico scopo nella vita è anestetizzarsi con la vodka liscia, per dimenticare un dolore più grande di lui, per non pensare alla sua Martina, la sua bambina, scomparsa e mai ritrovata, ma quando un uomo potente della mafia Milanese lo contatta per ritrovare suo figlio e per convincerlo gli mostra una fotografia di come potrebbe essere ora Martina, torna ad affacciarsi in Luca una debole speranza di ritrovare sua figlia!
Leggendo questo libro ho cercato di capire dolore e la disperazione di Luca e di Nicole (la quasi ex moglie), un dolore che qualsiasi genitore può solo lontanamente immaginare. Anche solo il pensiero che qualcuno possa toccare i miei bambini scatena in me istinti omicida, quindi comprendo perché Luca cerchi conforto nell'alcol e Nicole soffra di un disturbo post-traumatico e che non esca di casa da tantissimo tempo.
E' un romanzo che tocca le corde del cuore, e ti commuove, ti fa venire voglia di leggere il secondo libro della serie e allo stesso tempo vorresti non leggerlo, perché alla ricerca disperata di quel lieto fine che ti aspetti dai libri...ma che nella vita reale raramente c'è!

A presto! Buona lettura!

Letture: Abbastanza da tentarmi di Leila Awa #10.18


Isabella Bendecido ha ventiquattro anni e vive in un paese alle porte di Madrid con una sorella maggiore che adora, un padre amorevole ma poco presente, una madre convinta che la preoccupazione maggiore per una donna debba essere trovare un buon matrimonio o un lavoro fisso – se non entrambi – e una sorella minore che segue le orme materne. Giornalista di professione e blogger per passione, Isabella trova lavoro presso la prestigiosa testata giornalistica di El Paìs, dove incontrerà Liam Adreci, una delle voci più autorevoli nel campo, a cui da sempre si ispira. Peccato che le sue parole siano coinvolgenti e appassionanti almeno quanto lui è odioso e supponente nella vita di tutti i giorni. Tra caratteri orgogliosi e troppi pregiudizi, tra famiglie ingombranti e inopportuni pretendenti, quanto in là si spingeranno Isabella e Liam prima di comprendere dove sia la verità? In fondo, tutte noi sogniamo Mr. Darcy ma quando lo troviamo vorremmo solo ucciderlo.

E' la storia di Isabella e Liam il cui primo incontro non è certo idilliaco, dato che lui la crede una nuova segretaria, anziché una giornalista e fa di tutto per rendersi antipatico ai suoi occhi! 
Tra Isabella e Liam le differenze sembrano insormontabili, lei è giovane, spensierata e povera, mentre su Liam gravano i problemi di una famiglia non facile ed è molto ricco, proprio per questo Isabella viene considerata dai parenti (padre e zia) di Liam come un'arrampicatrice sociale e fanno di tutto per separare i due giovani, ma l'amore supera ogni cosa, anche le differenze sociali!
Oltre al padre e la zia di Liam, però anche la madre di Isabella prova un'antipatia profonda per il lavoro del giornalista e per Liam stesso, cercando in tutti i modi di allontanare i due ragazzi.
Questo libro è stato considerato come il retelling di Orgoglio e Pregiudizio, che purtroppo non ho letto, cercherò di rimediare a breve, ma secondo me a questo romanzo mancano delle scene, manca di continuità, certe volte si salta da una scena all'altra spiazzando il lettore.
Nonostante questo "difetto" un po' fastidioso il libro in sè è carino e si legge scorrevolmente!

A presto! Buona lettura!


Letture: Aurora nel buio di Barbara Baraldi #8.18


Aurora Scalviati era la migliore, fino al giorno di quel conflitto a fuoco, quando quel proiettile ha raggiunto la sua testa. Da allora, la più brava profiler della polizia italiana soffre di un disturbo bipolare che cerca di dominare attraverso i farmaci e le sedute clandestine di una terapia da molti considerata barbara: l'elettroshock. Quando per motivi disciplinari Aurora viene trasferita in una tranquilla cittadina dell'Emilia, si trova di fronte a uno scenario diverso da come lo immaginava. Una donna viene uccisa proprio la notte del suo arrivo, il marito è scomparso e l'assassino ha rapito la loro bambina, Aprile, di nove anni. Su una parete della casa, una scritta tracciata col sangue della vittima: "Tu non farai alcun male". Aurora è certa che si tratti dell'opera di un killer che ha già ucciso in passato e che quella scritta sia un indizio che può condurre alla bimba, una specie di ultimatum. Ma nessuno la ascolta. Presto Aurora capirà di essere costretta ad agire al di fuori delle regole, perché solo fidandosi del proprio intuito potrà dissipare la coltre di nebbia che avvolge ogni cosa. Solo affrontando i demoni della propria mente potrà salvare la piccola Aprile ed evitare nuove morti...

Ho scelto questo libro solo ed esclusivamente per la copertina, per partecipare alla Visual Challenge e ne sono stata assolutamente felice!!!
Aurora Scalviati non è la classica protagonista che adorerete, che troverete simpatica sin dall'inizio, anzi io l'ho trovata troppo fredda e insensibile, nonostante sia un'ottima poliziotta! Aurora è una donna che ha passato di tutto dalla vita, è stata allontanata dalla Polizia dopo un gravissimo incidente al Mattatoio, dove non ha aspettato i rinforzi, e in cui ha perso il compagno di lavoro e di vita e il loro bambino non ancora nato e a lei è rimasta una scheggia di proiettile in testa.
Ma Aurora è una donna forte, che non si lascia abbattere dalla vita, anzi ricorre addirittura alle sedute clandestine di elettroshock pur di tornare al lavoro.
Il suo reintegro al lavoro non è però nella sua Torino, ma viene spedita in una tranquilla cittadina dell'Emilia, ma è veramente così tranquilla come sembra?
Dal momento che Aurora arriva in Emilia e incappa in un atroce delitto si rende conto che si tratta di un serial killer, ma nessuno vuole ascoltarla e quindi decide di proseguire come ha sempre fatto, ignorando le regole...
Questo romanzo è un vero e proprio thriller che vi terrà incollati alle sue pagine fino alla fine, per capire quale mostro può aver inscenato un simile delitto e rapito una bambina. E' un romanzo per stomaci forti perché le scene vengono talmente descritte che vi sembrerà di vederle!
Ad essere sincera ho fatto fatica a dormire per due notti dopo averlo letto, ma perché io sono un po' "paurosa", ma vale assolutamente la pena di leggere questo libro!

A presto!Buona lettura!


mercoledì 21 febbraio 2018

Letture: Ho voglia di innamorarmi di Cassandra Rocca #7.18


Da quando ha lasciato casa e famiglia per trasferirsi a Los Angeles, Heaven Taylor ha un solo desiderio: trovare la propria strada e sentirsi una donna e soprattutto una giornalista realizzata. Ma la concorrenza è agguerrita e non è facile tenersi il posto neppure in un giornale di gossip. Per riuscirci dovrà ottenere lo scoop del momento: la top model più paparazzata insieme al suo amante misterioso. Decisa a farcela, Heaven si mette sulle tracce dei due a bordo di uno yacht, incurante delle nefaste previsioni del tempo che annunciano una terribile tempesta in arrivo proprio da quelle parti. Dopo varie peripezie, e proprio mentre sembra aver ottenuto le foto tanto agognate, il fortunale si abbatte sulla costa e la povera Heaven cade nell'oceano, vanificando i suoi sogni di gloria e trovandosi a rischio di vita. A salvarla da annegamento certo è David Cooper, che sopraggiunge su una barca bianca come un principe sul suo baldo destriero. Peccato che, nonostante la bellezza statuaria, David non sia propriamente un principe, e forse l’unica persona al mondo che Heaven sperava di non incontrare mai più…

Io adoro i libri di Cassandra Rocca, hanno quel non so che di fresco, spumeggiante che ti mette di buon umore, e questo non fa eccezione!
Heaven e David hanno un passato in comune, un'esperienza che ha toccato entrambi in modi diversi, a lei ha fatto capire che fino a quel momento non aveva conosciuto l'amore e la passione e a lui invece che le ragazze sono tutte "facili"...ma forse trarre le conclusioni è facile, ma non sempre corrispondono alla realtà!
I due protagonisti si rincontrano dopo diversi anni dal loro primo incontro/scontro, ma l'animosità c'è ancora tutta...potranno andare d'accordo per cercare di sopravvivere alla brutta tempesta che si sta abbattendo sulle coste di Los Angeles?
La storia è assolutamente avvincente e sono assicurate le scintille!
Questo è uno di quei libri che inizi a leggere e che non vuoi smettere finché non arrivi alla fine, quei libri che ti catturano e perdi il senso del tempo e dello spazio, certo è una lettura leggera e non impegnativa, ma assolutamente deliziosa, uno di quei libri che vuoi finire per vedere com'è, ma allo stesso tempo temi di finire per non abbandonare i personaggi!
I personaggi sono ben delineati e leggendo il libro ci si innamora un po' di questo artista e si vorrebbe fare da modelle per i suoi quadri, peccato che per lui esista solo Heaven...

A presto! Buona lettura!

Letture: La mia sfida più grande di Terri Osburn #6.18


L’amore ti attende dove meno te lo aspetti.

Lucas Dempsey è fuggito da Anchor Island subito dopo il diploma per allontanarsi dall’isola in cui è cresciuto e dedicarsi alla carriera legale. Quando però il padre ha un attacco cardiaco, non può che offrirsi volontario per gestire il ristorante di famiglia, nonostante l’ego ancora a pezzi per colpa di Beth, la fidanzata che l’ha lasciato per il fratello maggiore.

Sid Navarro, meccanico irriverente, è lieta di mettere da parte i suoi attrezzi per aiutare i Dempsey. Finché non si rende conto che lavorerà insieme a Lucas, il suo amore segreto fin da ragazzina. Sid sa che mostrare i suoi veri sentimenti significherebbe farsi spezzare il cuore, ma la tentazione di avere Lucas nel suo letto è troppo forte per resisterle.

Dopo un inizio burrascoso, le cose tra Lucas e Sid si faranno bollenti. E a un tratto separarsi diventerà una sfida che forse nessuno dei due avrà più intenzione di vincere.

La mia sfida più grande è una storia romantica, sensuale e spassosa, che fa tornare la speranza di trovare l’amore nei luoghi più inaspettati.

Anno scorso avevo letto il primo romanzo di questa serie e quando ho visto che era uscito il secondo non ho potuto aspettare a leggerlo!
L'ambientazione di questa serie di romanzi è meravigliosa, una piccola isola dove neppure i cellulari prendono, un sogno o un incubo a seconda del punto di vista da cui si guarda, per Lucas che è cresciuto sull'isola è stata forse una dannazione, ma ora essere lontano dallo studio legale per cui lavoro non può fargli che bene!
Lucas e Sid i due protagonisti di questo libro non potrebbero essere più diversi tra loro, anche se Sid è segretamente innamorata di lui da tantissimo tempo, sono uno l'opposto dell'altro, ma proprio per questo gli opposti si attraggono!
Un libro scorrevole e coinvolgente, che vi allieterà un pomeriggio!

A presto! Buona lettura!

giovedì 15 febbraio 2018

Il mio primo midori

Buon pomeriggio!
Oggi vi voglio mostrare il mio primo midori, è ancora sperimentale, nel senso che ci sono ancora tante cose da cambiare e sistemare, ma direi che ne sono soddisfatta!!
Ho realizzato questo midori per la sfida su The Crafting Challenge siccome questo mese abbiamo proposto questo tic tac toe


Ed ecco qua la mia interpretazione:



I vincoli che ho scelto sono: bianco, metallo, pois

Che ne dite vi piace la mia interpretazione?
Correte sul blog per partecipare alla sfida e vedere cosa hanno realizzato le altre ragazze del DT!!

A presto! Happy scrap!



mercoledì 31 gennaio 2018

Letture: Baciamo sotto la neve di New York di Catherine Rider #5.18


È la vigilia di Natale all’aeroporto JFK di New York. Charlotte è una studentessa inglese, in attesa del suo volo verso casa. Ha passato il peggior semestre della sua vita e non vede l’ora di lasciare a terra il malumore. Anthony è un newyorkese DOC e sta aspettando la sua ragazza per farle una sorpresa. Quello che non sa è che sta per essere lasciato, proprio in mezzo alla folla. Quando il volo di Charlotte viene cancellato a causa di una bufera, la ragazza si rassegna a trascorrere la notte in giro, in compagnia di Dimentica il tuo ex in dieci semplici step, il libro che ha appena acquistato al duty free, e di Anthony, che proprio non se la sente di tornare a casa. I due trascorreranno insieme la notte, chiacchierando e cercando di riprendersi dalle loro sconfitte sentimentali. Pian piano, grazie all’incanto della neve e alle luci magiche della città, la sofferenza lascerà il posto a qualcosa di nuovo nei loro cuori. Ma una corsa in metropolitana potrebbe impedire loro di rivelare quello che provano davvero: riusciranno a ritrovarsi prima che il volo di Charlotte parta per sempre?

La copertina di questo libro mi ha attirato tantissimo! Spesso e volentieri io mi avvicino a un libro per la copertina e per i suoi colori!! Questo libro oltre ad avermi conquistato per la sua copertina, mi ha ammaliato per la sua storia semplice e pulita come la neve appena scesa, ma allo stesso tempo mi ha fatto commuovere!
Questo romanzo ha un ritmo serrato che ti cattura, effettivamente io l'ho letto in un giorno, quasi il tempo che ci hanno messo i due protagonisti per vivere le loro avventure.
E' la vigilia di Natale e Charlotte si ritrova in aeroporto per poter raggiungere la propria famiglia in Inghilterra, dopo un semestre non facile, soprattutto perchè è appena stata lasciata dal ragazzo, ma il suo volo viene cancellato per una bufera di neve e si ritrova sola con un vaucher per un albergo che però non ha nessuna intenzione di utilizzare. E proprio all'aeroporto incontra Anthony che è appena stato lasciato dalla ragazza a cui voleva fare una sorpresa. I due ragazzi complici le loro disavventure amorose si ritrovano a vagare per New York cercando di seguire i 10 step per dimenticare i propri ex, elencati nel libro che Charlotte ha acquistato in aeroporto.
I due ragazzi in questa folle notte imparano a conoscersi e ad apprezzarsi, imparano ad amare quei lati del loro carattere che avevano sempre tenuto nascosti agli ex per farsi apprezzare, imparano tante cose dell'altro, ma anche di se stessi e della propria famiglia!
I personaggi sono caratterizzati molto bene e ci si affeziona a loro, si soffre con loro!
In poche parole per me questo libro è stato accattivante, dolcissimo e luminoso come il Natale.
Voi lo avete letto? Cosa ne pensate? 

A presto! Buona lettura

martedì 23 gennaio 2018

Letture: Il profumo segreto dei fiori di Amanda Hampson #4.18


È l’aprile del 1956 quando Iris Turner, una giovane donna inglese, arriva nel sud della Francia per lavorare come segretaria al servizio di Hammond Brooke. Hammond è un uomo ombroso che sta lentamente perdendo la vista e ha bisogno di qualcuno che ordini e cataloghi i suoi documenti. Accolta con distacco dagli altri aristocratici che vivono nella stessa villa sulla Costa Azzurra di Hammond, Iris cerca in tutti i modi di guadagnare la fiducia del suo datore di lavoro. Soprattutto quando, alle prese con quelle vecchie carte, Iris scopre che il misterioso signor Brooke è stato un tempo un famoso profumiere e che, tra i documenti di cui la ragazza deve occuparsi, ci sono anche le sue preziose ricette, di cui è gelosissimo. Una volta iniziata all’affascinante mondo delle essenze, Iris si trova però invischiata in una fitta rete di intrighi. Non passa molto tempo, infatti, prima che capisca che qualcuno, molto vicino a Hammond, vorrebbe mettere le mani proprio sui suoi segreti…

Quest'anno è iniziato alla grande in fatto di letture, grazie soprattutto alla Visual Challenge (Un libro per amico e Desperate Bookswife), ho deciso di partecipare a questa challenge perché non è troppo impegnativa (al massimo 5 libri al mese) e per questo primo mese sono riuscita a leggere tutti e 5 libri che mi ero riproposta...
Leggere questa storia è come vivere un viaggio nel tempo, nel secondo dopoguerra, nella villa dei Brooke dove non si capisce chi è amico o nemico...una villa ricca di misteri e di segreti, anche per Iris che è stata assunta come segretaria per Hammond Broke...il quale però non è molto contento di averla intorno e non sembra proprio intenzionato a collaborare con lei! 
L'unica cosa che fa in modo che Hammond inizi a fidarsi di Iris è il suo "dono" di sentire gli odori, di riconoscere gli stati d'animo delle persone dagli odori che li circondano e di associarli ad un sentimento.
In alcuni tratti il racconto prosegue secondo me un po' a rilento, sarà che io amo i libri in cui ci sono molti dialoghi, invece in questo libro ce ne sono pochi, perché viene scritto in forma di diario personale da Iris. 
Lo avete letto? Vi è piaciuto?

A presto! Buona lettura!


domenica 21 gennaio 2018

Letture: Un colpo al cuore di Mary Higgins Clark #3.18


Nello studio di un chirurgo plastico, la giovane avvocatessa Kerry McGrath vede sfilare donne che, incredibilmente, hanno tutte gli stessi lineamenti e, poiché i loro tratti le sembrano familiari, cerca di ricordare... Finalmente, dalla sua memoria affiora un nome: Suzanne Reardon, assassinata anni prima dal marito Skip, condannato all'ergastolo. Ma forse, a questo punto, innocente... Kerry, quindi, fa riaprire il caso e con l'aiuto di Geoff, il nuovo difensore di Skip, comincia un'indagine che arriva a personaggi eccellenti...

Questo libro era nella mia libreria da anni e non avevo mai avuto la voglia di iniziarne la lettura, invece grazie alla Visual Challenge, cercando un libro con dei fiori nella copertina me lo sono ritrovata sotto mano, ed ho pensato che era arrivato il momento di leggerlo...ed ho fatto bene!!!
E' già il secondo libro che leggo di quest'autrice e devo dire che trovo i suoi thriller molto "piacevoli" di facile lettura e scorrevoli.
Il libro inizia in maniera "soft", ma poi la tensione va via via crescendo e quando credi di aver capito tutto e di sapere chi è l'assassino, a 10 pagine dalla fine ti viene stravolto completamente il finale, e non credi a quello che stai leggendo!
Le vicende sono incentrate sul viceprocuratore Kerry, sulla sua voglia di non far condannare un innocente per un crimine che non ha commesso! Nonostante le sia stato più volte consigliato di abbandonare la sua indagine, Kerry ama la giustizia, è una donna caparbia, che non si ferma davanti a nulla pur di fare trionfare ciò in cui crede!
Unica "pecca" del libro è la moltitudine di personaggi, legati in qualche modo al caso, inizialmente ho fatto fatica ad orientarmi e ogni tanto dovevo tornare indietro per rileggere alcuni passaggi, nonostante questo per me è stato un libro bello che ho apprezzato!
Voi lo avete letto? Cosa ne pensate?

A presto! Buona lettura!



sabato 20 gennaio 2018

Card: compleanno Leonardo

Buongiorno!
La scorsa settimana mi è stato richiesto di preparare una card di auguri per un bambino appassionato di calcio ed io ho tirato fuori i timbri delle mie adorate tilda e i distress reinker...


Mentre per l'interno ho pensato ad un popup...


Ed ecco qua un particolare della colorazione del timbro:


A presto! Happy scrap!


venerdì 19 gennaio 2018

Pocket Letter: bianca come la neve

Buongiorno!!
Sono in ritardo di qualche giorno per mostrarvi la mia ultima pocket letter realizzata per il DT di The Crafting Challenge...questo mese il tema che vi proponiamo è:

bianco come la neve

e siccome io sono in fissa con le pocket letter ho deciso di realizzarne una mini, tutta nei toni del bianco e del kraft


e questo è il retro...


Oltre al colore bianco che era il tema predominante, ho voluto richiamare anche la neve con i fiochi fustellati in gomma crepla bianca.

Cosa ne pensate? Vi piace?
Correte nel blog per partecipare alla sfida e vedere i bellissimi lavori che hanno realizzato le mie colleghe di DT.

A presto! Happy scrap!

mercoledì 10 gennaio 2018

Letture: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepùlveda #2.18


I gabbiani sorvolano la foce dell'Elba, nel mare del Nord. Banco di aringhe a sinistra stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa, insieme agli altri. Ma quando riemerge, il resto dello stormo è volato via, e il mare è una distesa di petrolio. A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, poi stremata precipita su un balcone di Amburgo. C'è un gatto, su quel balcone, un gatto nero grande e grosso di nome Zorba, cui la gabbiana morente affida l'uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto da lui tre solenni promesse. E se per mantenere le prime due sarà sufficiente l'amore del gatto, per la terza ci vorrà una grande idea e l'aiuto di tutti. In questo racconto, che ha la grazia di una fiaba e la forza di una parabola, il grande scrittore cileno tocca i temi a lui più cari: l’amore per la natura, la solidarietà, la generosità disinteressata. Ma soprattutto riconosce all’uomo un ruolo fondamentale: non solo distruttore e inquinatore, ma anche salvatore, in un messaggio di speranza di altissimo valore poetico.

Questo libro era da tantissimo tempo che giaceva nella mia libreria e finalmente è arrivato il momento di leggerlo, proprio nel momento giusto quando in Italia è scoppiata una polemica "assurda" per i sacchetti biodegradabili, un tema l'inquinamento che interessa a pochi, l'importante è risparmiare!
In questo libro non si parla di plastica, ma di petrolio. Petrolio che viene "scaricato" in mare e che oltre ad inquinare le acque uccide tantissimi animali, proprio come succede alla gabbiana Kengah, per fortuna la nostra gabbiana riesce a trovare Zorba un grosso gatto buono e gentile a cui affida il suo unico uovo dopo aver ottenuto da lui tre solenni promesse:
1) che non si mangerà l'uovo;
2) che ne avrà cura finchè non sarà nato il piccolo;
3) e che avrebbe insegnato al piccolo gabbiano a volare.
Questa storia è di una tenerezza unica, un grande insegnamento a rispettare il "diverso" e l'ambiente, quasi alla fine del libro c'è una frase che mi è rimasta nel cuore e che voglio condividere con voi:

E' molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile, e tu ci hai aiutato a farlo.

Adoro Sepùlveda e il suo raccontare temi importantissimi attraverso la voce degli animali, come in questo libro in cui gli animali ci parlano dell'inquinamento che si trova al porto e lungo i mari dovuto alla noncuranza degli ambienti che ci circondano.
Come potete aver capito questa storia mi è piaciuta tantissimo e la consiglio vivamente! Se anche voi l'avete letta sarei contenta di sapere cosa ne pensate!

A presto! Buona lettura

mercoledì 3 gennaio 2018

Lettura: Tutta colpa della mia impazienza di Virginia Bramati #1.18


Il nuovo romanzo di Virginia Bramati, che racconta di Agnese, l'adorabile protagonista a cui improvvisamente muore la madre, e che si ritrova a fare i conti con i ritmi lenti della campagna, sullo sfondo di una Brianza sorprendente e rigogliosa, non lontano dal magico borgo di Verate che le sue lettrici hanno imparato ad amare. Agnese è una ragazza esuberante, autonoma, insofferente verso tutto ciò che frena la sua corsa, ma improvvisamente, la vita prende una piega terribilmente dolorosa e si ritrova scaraventata dal centro di una metropoli che non dorme mai, in una grande casa lungo un fiume, immersa nei ritmi immutabili della campagna. Una grande casa in campagna. Una madre morta troppo presto. Un giovane medico dagli occhi buoni e misteriosi. E un'estate in cui tutto sta per cambiare. Pagina dopo pagina, scopriamo insieme ad Agnese la saggezza nascosta nei gesti semplici della cura dei fiori: perché la felicità è più vicina di quanto pensiamo, se solo sappiamo rallentare e guardarla negli occhi.

Grazie alla "Visual Challenge" ho deciso finalmente di leggere questo libro che avevo già da diverso tempo nella mia libreria e devo dire che sono stata molto felice della mia scelta.
Ne avevo sentito parlare anno scorso, ma a parte la copertina che mi aveva molto attirato, il libro era rimasto a prendere polvere sullo scaffale, un vero peccato perché è un libro che mi è piaciuto molto e che ho letto praticamente tutto d'un fiato.
Questo romanzo inizia e finisce con la lettera che Agnese scrive al suo futuro marito, la notte prima del loro matrimonio. Una lettera in cui esprime tutto il suo amore incondizionato per il suo uomo, il suo amore più grande. Inizia da questo punto il nostro viaggio nel conoscere l'impaziente Agnese, una ragazza diciannovenne che ha appena perso la madre in un tragico incidente in montagna e si ritrova a dover affrontare l'esame di Maturità, con un padre che dalla perdita della moglie si è rintanato in se stesso e una zia (sorella della madre) molto attaccata alle convenzioni sociali.
Alla morte della madre, il padre decide di trasferirsi da Milano, dove hanno sempre vissuto, in un paesino "sperduto" nella campagna costringendo Agnese tutte le mattine a fare due ore di pullman per andare a scuola, lungo il tragitto conosce Adelchi un ragazzo della sua stessa età che ha da poco perso il padre in un incidente d'auto. I due ragazzi si trovano in breve tempo ad essere grandissimi amici.
Durante l'estate compare il dottor Marco Aleandri che deve sostituire il padre di Agnese come medico di base nel paesino. Tra Marco e Agnese c'è subito elettricità, inizialmente più antipatia, che con l'andare del tempo si trasforma...
Agnese è uno di quei personaggi che ti entrano subito nel cuore, che non puoi non amare, oltre tutto mi ha divertito tantissimo la sua lotta "femminista" contro una società campagnola e un po' arcaica.
Nonostante la protagonista principale sia Agnese anche gli altri personaggi sono ben definiti e delineati, nessuno di essi risulta superficiale o inutile ai fini della narrazione.
Questo libro mi è piaciuto tantissimo, per come tratta temi molto forti con delicatezza e semplicità, consiglio vivamente di leggerlo e spero che anche voi lo amerete come me.

A presto! Buona lettura!


lunedì 1 gennaio 2018

Le sfide di gennaio

Come avevo già iniziato a fare nell'anno vecchio, anche quest'anno cercherò di riunire tutte le sfide del mese in un unico post 😉

13 GENNAIO

28 GENNAIO
28 GENNAIO

31 GENNAIO

3 FEBBRAIO
Mano a mano che troverò altre sfide da inserire come sempre aggiornerò il post!

A presto! Happy scrap!

TBR: Gennaio

Buon pomeriggio
e buon Anno!!
Siamo già nel 2018, il tempo è volato ed io mi accorgo che il tempo è troppo veloce e mi scappa tra le mani...vorrei tanto potermi fermare e assaporare tutti quei momenti che mi sfuggono! Dicembre ad esempio mi è letteralmente sfuggito di mano (sicuramente colpa anche del lavoro intenso) e vorrei poter tornare indietro per riassaporare certi momenti con i miei bambini! Però ora meglio guardare avanti perchè "365 new days, 365 new chaces".

A partire da oggi partecipo ad una challenge di lettura (qui potete trovare il regolamento) e quindi le letture che vorrei fare si riferiscono tutte alla challenge:
  1. Un colpo al cuore di Mary Higgins Clark
  2. Via Arton di Alessandro Musto
  3. Tutta colpa della mia impazienza di Virginia Bramati
  4. Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepulveda
Spero di riuscire a leggerli tutti! Chissà!

A presto! Buona lettura!