mercoledì 10 gennaio 2018

Letture: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepùlveda #2.18


I gabbiani sorvolano la foce dell'Elba, nel mare del Nord. Banco di aringhe a sinistra stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa, insieme agli altri. Ma quando riemerge, il resto dello stormo è volato via, e il mare è una distesa di petrolio. A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, poi stremata precipita su un balcone di Amburgo. C'è un gatto, su quel balcone, un gatto nero grande e grosso di nome Zorba, cui la gabbiana morente affida l'uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto da lui tre solenni promesse. E se per mantenere le prime due sarà sufficiente l'amore del gatto, per la terza ci vorrà una grande idea e l'aiuto di tutti. In questo racconto, che ha la grazia di una fiaba e la forza di una parabola, il grande scrittore cileno tocca i temi a lui più cari: l’amore per la natura, la solidarietà, la generosità disinteressata. Ma soprattutto riconosce all’uomo un ruolo fondamentale: non solo distruttore e inquinatore, ma anche salvatore, in un messaggio di speranza di altissimo valore poetico.

Questo libro era da tantissimo tempo che giaceva nella mia libreria e finalmente è arrivato il momento di leggerlo, proprio nel momento giusto quando in Italia è scoppiata una polemica "assurda" per i sacchetti biodegradabili, un tema l'inquinamento che interessa a pochi, l'importante è risparmiare!
In questo libro non si parla di plastica, ma di petrolio. Petrolio che viene "scaricato" in mare e che oltre ad inquinare le acque uccide tantissimi animali, proprio come succede alla gabbiana Kengah, per fortuna la nostra gabbiana riesce a trovare Zorba un grosso gatto buono e gentile a cui affida il suo unico uovo dopo aver ottenuto da lui tre solenni promesse:
1) che non si mangerà l'uovo;
2) che ne avrà cura finchè non sarà nato il piccolo;
3) e che avrebbe insegnato al piccolo gabbiano a volare.
Questa storia è di una tenerezza unica, un grande insegnamento a rispettare il "diverso" e l'ambiente, quasi alla fine del libro c'è una frase che mi è rimasta nel cuore e che voglio condividere con voi:

E' molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile, e tu ci hai aiutato a farlo.

Adoro Sepùlveda e il suo raccontare temi importantissimi attraverso la voce degli animali, come in questo libro in cui gli animali ci parlano dell'inquinamento che si trova al porto e lungo i mari dovuto alla noncuranza degli ambienti che ci circondano.
Come potete aver capito questa storia mi è piaciuta tantissimo e la consiglio vivamente! Se anche voi l'avete letta sarei contenta di sapere cosa ne pensate!

A presto! Buona lettura

2 commenti:

  1. Bellissimo! Ho letto anche io da poco questo libro insieme a mio figlio e l'ho adorato!!!
    Per Natale ci siamo anche regalati il dvd del cartone animato... molto bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ero preparata e non sapevo ci fosse anche il cartone animato, allora lo farò vedere ai bambini dopo aver letto il libro :)

      Elimina